Ti trovi in:

Home » Territorio » Conoscere Lavarone » Lavarone in breve

Lavarone in breve

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Giovedì, 28 Agosto 2014
Immagine decorativa

Spesso accade che chi giunge per la prima volta sul nostro Altopiano si chieda e chieda dove sia il paese di Lavarone….per poi scoprire con sorpresa come un paese con questo nome non esista, e come Lavarone, per usare un’espressione dell’ospite più illustre che vi abbia soggiornato, Sigmund Freud, sia “ovunque e da nessuna parte”.

Il nome Lavarone designa infatti fin dai tempi più antichi l’intero territorio dell’Altopiano, caratterizzato da un tipo di insediamento sparso per villaggi e masi che trae la sua origine da precise ragioni storiche. Ma Lavarone è anche il nome dell’istituzione comunale che amministra questo territorio, attualmente formato dalle frazioni di Chiesa, Albertini, Lanzino, Stengheli, Bertoldi, Slaghenaufi, Azzolini, Gionghi, Cappella, Gasperi, Magrè, Masetti, Rocchetti, Longhi, Oseli, Masi di Sotto (Birti-Lenzi-Sosteri), Nicolussi, Piccoli.
L’interpretazione dell’origine e del significato del nome Lavarone, citato per la prima volta nel 1184, ha impegnato nel corso del tempo vari studiosi di toponomastica con esiti contrastanti e mai definitivi.
Tra le ipotesi più accreditate v’è quella formulata ancora nel corso dell’Ottocento e sostenuta dagli studi più recenti, che fa risalire Lavarone alla radice latina medievale e quindi pretedesca fossa luparia da cui lovèra e lovàra, la quale starebbe a significare fossa scavata per catturare i lupi, un riferimento piuttosto chiaro al tempo in cui l’Altopiano era quasi completamente disabitato e ricoperto da foreste. Ugualmente probabili tuttavia sono le ipotesi che farebbero derivare il nome dal fitonimo lappa, termine latino per lappola, in dialetto lapazzo ondelapparones, cioè il luogo dove crescono le lappole, oppure dalla radice celtica lab, rab, da cui i termini latini labi, labare, labescere, labefactare, labium, nell’accezione di paese modulato da acque che erodono il suolo. Piuttosto improbabile è ritenuta invece la derivazione del nome da laba, cioè piccolo lago, voce quest’ultima presente nella lingua cimbra, che comporterebbe un’adozione piuttosto tarda del nome. Sicuramente, infatti, il toponimo Lavarone è più antico delle immigrazioni che tra il XII e il XIII secolo popolarono l’Altopiano di coloni di origine bavarese. A tutt’oggi Lavarone presenta toponimi di origine cimbra accanto a toponimi di ascendenza latina, dovuti alla popolazione insediatasi sull’Altopiano precedentemente alle migrazioni.

Posizione GPS